Mercati: Indici azionari e Bond in rialzo, brillano i Metalli, Euro-Dollaro vicino alla parità

di Andrea Unger

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

È stata una settimana caratterizzata da rendimenti a cinque giorni positivi per la maggior parte dei mercati. 

Gli indici azionari si sono mossi nettamente al rialzo, forse anche sulla spinta dell'innalzamento dei tassi di interesse di 75 punti stabilito dal Fomc, il comitato di politica monetaria della Fed. 

Rendimenti positivi anche per i bond e per la maggior parte delle materie prime. Fatta eccezione per il Natural Gas, alcune carni e lo zucchero, tutte le commodity si sono mosse al rialzo.

Continua a recuperare il Bitcoin, che nell'arco dell'ultimo mese ha realizzato un rendimento pari al 28,6%.

Per saperne di più su come si stanno muovendo i mercati e sull'andamento della volatilità, non perderti la nostra panoramica settimanale.

Buona visione!

Trascrizione

Ciao a tutti, ragazzi e benvenuti in questo video. Come ogni settimana ci ritroviamo a fare un po' il punto della situazione di ciò che è successo nell'ultima settimana sui mercati finanziari.

Partiamo come sempre dall'analisi dei principali movimenti della settimana. Possiamo vedere che gli indici principali azionari anche questa settimana hanno segnato una buona performance come la scorsa settimana.

Infatti vediamo che il Mini S&P e il Mini Nasdaq futures hanno segnato un incremento negli ultimi 5 giorni, quindi nelle ultime 5 sessioni, pari circa al 4%. Questo recupero però è stato frutto anche diciamo del credere all'intervento della Fed, scusate del FOMC, che ha deciso di aumentare di 75 punti base, quindi di 0,75%, l'interesse sui tassi.

Possiamo vedere che anche in territorio europeo comunque gli indici si sono comportati bene. Anche il Dax comunque ha segnato una performance positiva, sebbene più debole rispetto agli indici americani. Idem per quanto riguarda l'Eurostoxx.

Continua anche un piccolo recupero per quanto riguarda i futures sui bond. In particolare qui parliamo del bond trentennale e decennale americano. E ancora più positivo, invece, il future sul Bund tedesco.

Per quanto riguarda il fronte degli energetici, dei sottostanti energetici, performance molto positive per Heating Oil e Crude Oil in questo caso. Vediamo infatti che nell'ultima settimana questi due sottostanti hanno segnato un incremento di circa il 7%, mentre invece per il Natural Gas sembra al momento arrestarsi un pochino la salita che ha avuto nell'ultimo periodo, e bisognerà attendere per capire se è solo una pausa in questo trend del 2022 estremamente positivo e altrettanto volatile, o se invece ci sarà poi un ritorno verso quotazioni più contenute e più basse.

Per quanto riguarda i metalli vediamo performance estremamente positive nella settimana per il Copper, quindi il rame. E qui bisognerà capire appunto se sia stato un punto di svolta, quindi un bottom, oppure se si tratta di semplicemente una correzione temporanea in questo trend ribassista recente. E ancora più positiva del circa 8,3% per quanto riguarda il Silver. Qui vediamo che in poche sedute ha avuto rendimenti estremamente positivi e anche qui bisognerà capire se questo bottom di periodo effettivamente è solo una piccola correzione oppure se effettivamente è un punto di inversione.

Per quanto riguarda invece il mercato delle carni, possiamo vedere che si è leggermente fermato l'uptrend che c'è stato la scorsa settimana sul Lean Hogs. Infatti era salito di circa il 6,5%. E invece qui possiamo vedere che questa settimana c'è stata una timida discesa per quanto riguarda il Live Cattle e una discesa un pochino più pronunciata sul Feeder Cattle. Comunque il Feeder Cattle rimane in media un prodotto piuttosto volatile, quindi questo tipo di variazioni, pari a circa il -3%, non è particolarmente strano per questo prodotto.

Andando alle Softs, invece, sicuramente possiamo notare un incremento significativo per quanto riguarda il mercato del succo d'arancia, dell'Orange Juice. E a parte una leggerissima flessione sul mercato dello Sugar, quindi dello zucchero, gli altri prodotti come il caffè, il cotone e il cacao hanno segnato performance positive, anche se il cacao in maniera più ridotta rispetto al cotone e al caffè.

Per quanto riguarda i cereali, vediamo incrementi positivi su tutti, quindi sia sul Wheat e su tutti i derivati della soia e anche il grano. E le performance  su questi mercati questa settimana hanno avuto un'escursione positiva in media tra l'8% e il 12% che si vede appunto sulla Soia, dove possiamo vedere una settimana fortemente positiva su questo sottostante.

Sul fronte delle valute dobbiamo segnalare che c'è stato appunto un incremento significativo per quanto riguarda lo yen e la sterlina. Un pochino più intorno alla parità questa settimana per quanto riguarda l'Euro-Dollaro che comunque rimane molto vicino diciamo di due figure al di sopra della parità rispetto al dollaro.

Per quanto riguarda invece il mercato delle criptovalute, vediamo in questo momento solo il Bitcoin sul grafico. Al momento sembra continuare il suo periodo di recupero e uscire da questa piccola congestione. È interessante che anche questa settimana è continuato l'uptrend, con una buona performance del 6,6% circa, che rimane comunque positiva nel mese, infatti nel mese ha avuto un recupero del 28,6%. È comunque ancora piuttosto lontano dai massimi e non sappiamo se queste recenti performance positive siano solamente una correzione di periodo oppure se effettivamente è stato fatto un bottom significativo e quindi eventualmente ci si possa aspettare un recupero in aree più elevate.

Andando a guardare la struttura della volatilità, possiamo notare che essa continua a essere in diminuzione un po' su tutte le scadenze. E il future sul Vix, scusate l'indice del Vix, continua a scendere ultimamente, e infatti le ultime quotazioni sono all'incirca all'intorno dei 22 punti, che non è assolutamente un valore particolarmente allarmante considerando anche i livelli toccati proprio nel 2022.

Per quanto riguarda i rollover, segnalo che non c'è nulla da fare questa settimana. Ce ne sono stati parecchi la scorsa. 

Per cui con questo diciamo che abbiamo concluso la nostra analisi settimanale.

Se hai bisogno di un aiuto per investire sui mercati finanziari in maniera sistematica, allora io ti consiglio di cliccare al link che trovi qui sotto, che ti porterà ad una pagina dove troverai delle risorse molto utili. Più nel dettaglio, da lì potrai registrarti ad una presentazione gratuita di Andrea Unger. Poi potrai ottenere il nostro libro best seller "Il Metodo Unger" coprendo solamente le spese di spedizione, oppure ancora potrai prenotare una call con un membro del nostro team per ottenere una consulenza strategica gratuita.

Io rinnovo il mio invito ad iscriverti al canale e a mettere un like a questo video se ti è piaciuto ed eventualmente a commentare.

Ciao a tutti ragazzi, ci vediamo! Alla prossima settimana!

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Andrea Unger

Ciao, sono Andrea Unger, Trader professionista dal 2001 e unico a vincere per ben 4 volte il Campionato del Mondo di Trading con denaro reale.

Grazie a questi risultati sono spesso invitato come relatore in convegni in Europa, Stati Uniti e Asia. 

Sono inoltre autore di diversi libri, tra cui il primo in Italiano sulla Gestione del Rischio nel Trading, tradotto anche in Cinese e Inglese.

Metto a disposizione decenni di esperienza, di prove, di vittorie e sconfitte con le quali ho ideato un metodo scientifico, sistematico, replicabile e universale con cui, in soli 4 anni, più di 1.000 trader sono riusciti a rendersi autonomi.

Devi sapere infatti che gli studi dimostrano che solo il 25% dei trader guadagna, ma di questi ben il 90% lo fa con il trading sistematico...

Come mai allora i formatori insegnano quasi sempre solo il trading discrezionale? 

Non ti insegno a diventare ricco in poco tempo, ti insegno una professione che, con il duro lavoro, la passione, e sufficienti capitali potrebbe diventare la tua principale fonte di reddito.