L'analisi dei volumi nel Trading Sistematico

di Francesco Placci

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Sappiamo che l’analisi dei volumi è molto utilizzata nel trading discrezionale, ma possiamo trarne vantaggio anche nel trading sistematico?

In questo post analizziamo la questione partendo dal metodo di trading che usiamo alla Unger Academy, quello basato sull’utilizzo di piattaforme che lavorano con barre a tempo costante.

A prima vista il ruolo dell’analisi dei volumi in questo approccio risulta piuttosto marginale, ma ci sono alcune situazioni in cui può rivelarsi davvero molto utile… 

Sei curioso? Allora leggi il post e scopri come sfruttare al meglio i volumi per costruire i tuoi trading system!

Trascrizione

Ciao ragazzi e benvenuti.

Oggi parleremo dei volumi e del loro utilizzo nel trading sistematico.

Sono Francesco Placci, responsabile della ricerca e dello sviluppo per la Unger Academy.

Tanti di voi ci chiedono e continuano a chiederci informazioni circa l'utilizzo dei volumi all'interno del trading sistematico.

Bene, in questo video, cercheremo di fare chiarezza circa un'eventuale utilità dell'utilizzo dei volumi nelle nostre strategie di trading.

Chiariamo il contesto

Come prima cosa dobbiamo contestualizzare, perché quando parliamo di trading sistematico esistono tanti approcci diversi.

Quindi scendendo nel nostro caso concreto, noi utilizziamo piattaforme di trading che sono basate su barre a tempo, quindi a minuti, a ore, a giorni.

Per quello che è la mia esperienza personale, ma anche quella di Andrea e di tutti i nostri collaboratori, l'utilizzo dei volumi nelle nostre strategie di trading non è fondamentale.

Ha, diciamo, l'importanza direi marginale piuttosto, non esiste un reale vantaggio, un edge di mercato, nell'utilizzare i volumi.

Tanti anni di back test non hanno fornito alcuna evidenza che un'analisi basata sui volumi sia più efficace di un'analisi basata invece sui prezzi.

Questo non significa però che l'utilizzo dei volumi non abbia alcuna utilità.

Esistono poi anche altri modelli, altre infrastrutture che magari possono farne un uso migliore.

Nel nostro caso specifico l'utilizzo dei volumi può essere utile come filtro operativo.

Un esempio dove è utile analizzare i volumi

Facciamo un esempio: nel caso decidessimo di operare su un paniere di titoli azionari con un trading system, ecco che l'analisi dei volumi sarebbe molto utile per scartare tutti quei titoli che presentano una scarsa liquidità e che quindi comporterebbero costi operativi eccessivi.

Oppure passando ai future, ecco che l'analisi dei volumi potrebbe essere utile per evitare di operare in quelle fasi, mi viene in mente la benzina per esempio, nella fase notturna, in cui c'è un eccessivo spread tra bid e ask che, anche in questo caso, comporterebbe degli oneri eccessivi in termini di commissioni e di slippage.

Esiste anche un problema operativo nell'utilizzo dei volumi.

Attenzione a questo!

Operando noi principalmente sui future, dobbiamo fare i conti con il roll over.

È chiaro che quando si passa da una scadenza future alla sua successiva, c'è tutto lo spostamento dei volumi da un contratto all'altro che non è rappresentativo della vera domanda e offerta del mercato, è semplicemente dovuto al fatto che un future arriva a scadenza e quindi ci si sposta sul future successivo.

Quindi, un'analisi di questi volumi, potrebbe anche essere molto fuorviante.

Tuttavia devo ammettere che da un punto di vista intellettuale, l'analisi dei volumi è sicuramente molto affascinante.

Esistono anche alcuni approcci che ho analizzato e che ritengo comunque interessanti, come per esempio il volume profile, oppure alcune piattaforme di trading come Bookmap, che è una piattaforma incentrata totalmente sull'utilizzo dei volumi e che ritengo tra le più innovative.

Quindi vi invito a dare un'occhiata se siete interessati ovviamente all'utilizzo dei volumi all'interno del trading.

Per quanto interessante comunque, il punto è che usciamo un po' dal campo del trading sistematico, perché codificare un trading system basato sui volumi è estremamente difficile e allo stesso tempo abbiamo la necessità di dati molto puliti per riuscire ad ottenere un'analisi affidabile.

Quindi quando è utile usarli?

Quindi è un tipo di attività, quella basata sui volumi, che solitamente è più discrezionale che automatizzata.

È molto difficile codificare, come dicevo, un trading system che è per esempio basato sul volume profile.

Entriamo quindi nel campo del trading discrezionale che ovviamente non è il nostro tipico approccio.

Di per sé, non ci sarebbe ovviamente nulla di male se non che, il trading discrezionale è un qualche cosa che è difficilmente trasmissibile e richiede una dote, una dote particolare nel trader.

Non è un qualche cosa che, diciamo, è possibile a tutti.

Conosco personalmente trader discrezionali che utilizzano i volumi con notevole profitto anche, però è un altro campo, non è il nostro mestiere, e come vi dicevo, necessita di un talento personale che non tutti ovviamente hanno.

Ovviamente questa è solo la mia opinione, quella di Andrea e degli altri collaboratori della Unger Academy, basata sulla nostra esperienza personale e su tanti anni di test.

Tuttavia, come dicevo, è sicuramente un campo affascinante.

Non prendete comunque per buono quello che vi sto dicendo, perché è giusto che ognuno testi le cose in prima persona.

Quindi, se siete interessati ai volumi ed è una cosa che vi affascina, il mio consiglio è comunque quello di provare e di testare le cose in prima persona.

 

 

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Francesco Placci

Ciao sono Francesco Placci, trader  professionista dal 2005 grazie all'approccio sistematico ai mercati. 

Le mie competenze spaziano dal trading sui future su indici ai bond, dalle azioni alle commodity, con un focus particolare sulla volatilità e sulle opzioni, che ritengo essere tra gli strumenti più versatili e affascinanti a disposizione di noi trader.

Dopo un'esperienza presso primari istituti di credito italiani, in cui ho appreso le basi della finanza istituzionale, ho intrapreso con successo e soddisfazione personale la carriera di trader indipendente.

Fondatore di Algoritmica.pro, dal 2019 entro a far parte di Unger Academy come responsabile della ricerca e sviluppo.