Come operare nei Mercati delle Carni e Soft Commoditi

di Andrea Unger

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Ciao ragazzi, ciao da Andrea Unger! Oggi voglio parlarvi dei mercati di Carni e Soft Commodities. Si tratta di una famiglia mista di strumenti che, in genere, non vengono discussi molto nelle community, ma che offrono spunti validi dal punto di vista del trading sistematico.

Trascrizione

All’interno della famiglia mista che comprende carni e Soft Commodities troviamo numerosi futures interessanti.

Per quanto riguarda le carni (Meats), abbiamo:

  • Live Cattle, ovvero i bovini vivi (il codice varia a seconda del broker o della piattaforma utilizzata, e può essere LE o LC);
  • Lean Hogs, ovvero i suini in generale (può avere codice HE o LH);
  • Feeder Cattle, ovvero i mangimi per le mandrie (può avere codice GF o FC).

Questi futures sono tutto sommato adatti anche per capitalizzazioni ridotte. Infatti, possono essere utilizzati con stop relativamente stretti, per esempio 400$.

Per quanto riguarda i difetti, è utile sapere che la sessione operativa di questi mercati è cambiata spesso negli anni. Infatti, il cambio degli orari di contrattazione può creare confusione durante i backtest, se questi non vengono fatti con la consapevolezza di quando e come sono cambiate le cose. Per esempio, lavorando su barre orarie, avere prima la mezzora e poi l’ora piena potrebbe impedirvi di trovare le barre che vi servono. Questo può rappresentare un ostacolo fastidioso, anche se ovviamente non insormontabile.

Un altro difetto di questi futures è che hanno delle sessioni ridotte. Questo significa che ci sono dei mercati che, essendo chiusi in overnight per periodi abbastanza lunghi, possono chiaramente portare dei gap.

Un altro elemento da considerare è che questi mercati presentano dei limiti di ipercomprato e ipervenduto che chiudono le contrattazioni a certi livelli. Alle volte, quindi, ci si trova a non poter entrare o uscire. Nel caso del trading sistematico, questo potrebbe ad esempio tradursi in uno stop loss non eseguibile, perché il mercato non permette di operare oltre un certo livello.

L’altra cosa importante che chi opera su questi future deve tenere a mente è che il Lean Hogs e il Feeder Cattle sono Cash Regulated. Essi hanno infatti un settlement in dollari, quindi se avete un future aperto in portafoglio, questo non vi viene liquidato con un carico di maiali, ma semplicemente tramite il versamento della somma equivalente al prezzo di settlement dell’ultimo giorno di contrattazione.

Questa caratteristica fa sì che entrambi siano effettivamente tradabili fino all’ultimo istante di vita del contratto che va a scadenza. Quindi, le posizioni aperte non possono essere chiuse d’ufficio dal broker nel caso in cui si vada oltre un certo limite temporale prima della data di scadenza (diversamente da altri futures, in cui invece ci sono un first notice e delle date prima della scadenza in cui, da un certo momento in poi, non è più possibile operare).

Per questi due futures, quindi, non si riceve alcun avviso da parte del broker. Al contrario, nel caso in cui abbiate delle quotazioni sul Live Cattle, riceverete delle email dal vostro broker che vi avviseranno che la tal data si sta avvicinando, in modo che possiate organizzarvi per tempo per chiudere quella posizione e aprirla contestualmente sulla nuova scadenza.

Non ricevendo alcun avviso, invece, un trader che ha tante strategie da seguire potrebbe scordarsi della posizione e ritrovarsi con dei contratti aperti in portafoglio per i quali non potrà fare niente. Essendo scaduto il future, si potrà solo attendere che, qualche giorno dopo, venga versato o prelevato l’equivalente in dollari, a seconda che vi siano un profitto o una perdita.

Pur non essendo tragico, si tratta di qualcosa di sicuramente fastidioso. Non è bello, infatti, ritrovarsi bloccati e non poter agire sulle nuove scadenze. Poiché e una di quelle evenienze che danno fastidio, è importante tenerne conto.

Oltre ai tre futures sulle carni, è possibile operare in modo sistematico anche su alcuni mercati appartenenti alla famiglia delle Soft Commodities.

Chi non ha intenzione di dedicare capitalizzazioni eccessive al trading può prendere in considerazione il cacao (Cocoa) e lo zucchero (Sugar). Questi due futures, in particolare il cacao, hanno un’espansione in dollari limitata durante il giorno. Di conseguenza, essi permettono di operare con stop abbastanza stretti (300$, 400$ o 500$). Anche lo zucchero, sebbene più dinamico e molto liquido, è decisamente interessante.

Sia il cacao che lo zucchero sono indicati per l’operatività overnight.

Tra le Soft Commodities troviamo poi il caffè. Questo future è molto dinamico, forse anche troppo per i principianti. Si tratta di un Future aggressivo che si muove molto velocemente anche in intraday. Tuttavia, data la sua dinamicità, esso richiede delle accortezze non da poco. Quindi se non volete diventare nervosi evitate il caffè!

Scherzi a parte, un’altra considerazione importante da fare su cacao, zucchero e caffè, è che sono scambiati sul mercato ICE. Questo significa che, per avere i dati realtime di questo marcato, è necessario pagare una tariffa aggiuntiva di molto superiore a quella del Globex.

Per il Globex, è possibile godere di una tariffa ridotta se non si è catalogati come “professional” (nessuno di noi lo è, secondo le caratteristiche che identificano tale figura), alla quale vanno ovviamente aggiunti i soldi richiesti dal broker per la fornitura del servizio e via dicendo. Al contrario, il mercato ICE non prevede questa possibilità e richiede una tariffa fissa che supera i 100$/ mese solo per le Soft Commodities di cui vi ho parlato.

Quindi, sebbene si tratti di futures interessanti, tenete conto dei costi aggiuntivi da sostenere per ottenere i dati, che potrebbero essere tali da annullare il vostro interesse.

L’ICE comprende anche il Mini-Russell, un index future che è migrato su questo mercato qualche anno fa. Anche questo richiede quindi un flusso dati a pagamento particolarmente oneroso, specialmente per chi si approccia a questi mercati in fase di startup della propria azienda di trading.

Date un’occhiata agli altri nostri post sui vari mercati!

Alla prossima, ciao da Andrea Unger!

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Andrea Unger

Ciao, sono Andrea Unger, Trader professionista dal 2001 e unico a vincere per ben 4 volte il Campionato del Mondo di Trading con denaro reale.

Grazie a questi risultati sono spesso invitato come relatore in convegni in Europa, Stati Uniti e Asia. 

Sono inoltre autore di diversi libri, tra cui il primo in Italiano sulla Gestione del Rischio nel Trading, tradotto anche in Cinese e Inglese.

Metto a disposizione decenni di esperienza, di prove, di vittorie e sconfitte con le quali ho ideato un metodo scientifico, sistematico, replicabile e universale con cui, in soli 4 anni, più di 1.000 trader sono riusciti a rendersi autonomi.

Devi sapere infatti che gli studi dimostrano che solo il 25% dei trader guadagna, ma di questi ben il 90% lo fa con il trading sistematico...

Come mai allora i formatori insegnano quasi sempre solo il trading discrezionale? 

Non ti insegno a diventare ricco in poco tempo, ti insegno una professione che, con il duro lavoro, la passione, e sufficienti capitali potrebbe diventare la tua principale fonte di reddito.