Notizie di Trading: Cosa è successo questa settimana sui mercati? Tutto su Trend e Volatilità

by Francesco Placci | The Trading Show

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Anche questa settimana possiamo notare una chiara differenza di performance tra le borse americane, che hanno chiuso con rendimenti a cinque giorni leggermente negativi, e quelle europee che invece hanno chiuso in rialzo.

Rendimenti negativi anche per la maggior parte dei future sulle materie prime. I ribassi più importanti si osservano nel settore energetico, con il petrolio e la benzina in calo di diversi punti percentuali, e sui metalli.

Per saperne di più su come si stanno muovendo i mercati, sull'andamento della volatilità e sui rollover in programma per la prossima settimana, non perderti la nostra panoramica settimanale.

Buona visione!

Trascrizione

Ciao ragazzi e ben trovati! Io sono Francesco Placci e anche questa settimana sono qui insieme a voi a fare il punto sull'andamento dei mercati.

Bene. Partiamo analizzando come di consueto l'andamento degli indici azionari e in particolare vediamo gli indici americani sostanzialmente invariati in questo momento.

Abbiamo il Nasdaq che perde uno 0,16% e il Mini SP che perde lo 0,32%.
Al contrario invece delle Borse europee che continuano a sovraperformare.
In questo momento più 1,50% per Eurostoxx e più 1,33% per il Dax.

Già soltanto cambiando la schermata noterete la differenza di rendimento tra i due mercati. Questo è l'Eurostoxx e guardate invece il Nasdaq dove si trova, ok?

Parlando sempre di indici azionari possiamo notare come la volatilità di lungo periodo sia nettamente superiore sugli indici americani rispetto a quelli europei.
E ovviamente questo fatto dipende proprio dalla differenza di rendimento che hanno dimostrato nel corso degli ultimi mesi.

Bene il settore dei bond, che in questo momento per quanto riguarda il trentennale americano sale dell'1,66%.
Seconda settimana di rialzi consecutivi e questo ci lascia ben sperare.
Bene anche il Bund, +1,05%.
Poco mosso il decennale americano.

Passando al mercato energetico abbiamo un bel -11% del Crude Oil, quasi -12% in questo momento.
E un forte ribasso anche della benzina.
In controtendenza invece l'andamento del Natural Gas.

Il settore dei metalli è tutto negativo.
In particolare abbiamo il rame che perde più di tutti, quasi un 6,50% in questo momento.

Sul mercato delle carni, invece, non c'è tanto da segnalare.

Negative invece anche le soft commodity.
In particolare abbiamo il caffè, che è in forte downtrend ormai da diverse settimane. E negli ultimi cinque giorni perde il 5,77%.

L'andamento invece delle granaglie è diciamo misto.
Abbiamo rialzi sul Corn, ribassi sul Soybean, anche di una certa entità, -6%.

Passando poi invece alle valute, andiamo a vedere che cosa succede all'Euro-dollaro.
Ci troviamo al valore di 1,0378 sostanzialmente molto vicino a quello della settimana scorsa.
In generale possiamo dire che si sta rafforzando il dollaro salvo che nei confronti del British Pound.

Passando invece alle criptovalute, abbiamo un Bitcoin che guadagna il 3,61%, ben poca cosa rispetto ai ribassi che abbiamo visto negli ultimi mesi e sembra stia consolidando intorno a un valore di 16.500$, con un minimo toccato intorno ai 15.000.

Diamo un'occhiata anche alla struttura a termine della volatilità implicita, che al momento è in pieno contango, quindi struttura naturale della volatilità implicita quando i mercati azionari sono calmi.

Vediamo che continua la discesa di volatilità. Se diamo un'occhiata anche al Vix, si trova nella parte bassa del range che ha toccato nel corso degli ultimi nove mesi.
Quindi al momento non ci sono preoccupazioni tra gli operatori per l'andamento futuro dei mercati azionari.

Bene. Diamo adesso un'occhiata al calendario dei rollover.
Li ho suddivisi per scadenza. Il 22 novembre abbiamo il rollover sui future del Natural Gas, Bitcoin ed Ethereum.
Poi ricordo a tutti che il 23 c'è la festa del Ringraziamento, quindi mercati chiusi.
Infine in data 25 abbiamo il rollover su diverse asset class, quindi abbiamo bond, derivati della soia, quindi Soybean Oil e Soybean Meal. Abbiamo il mais e il grano. Poi passando ai metalli abbiamo oro, rame e argento. Per quanto riguarda gli energetici, Heating Oil e Gasoline.
E infine, sempre in data 25, Live Cattle e Lean Hogs.

Ok ragazzi, prima di salutarvi voglio lasciarvi con un suggerimento. Se siete interessati al trading sistematico vi consiglio di dare un'occhiata al link in descrizione. Potrete infatti visionare una presentazione gratuita di Andrea Unger, l'unico quattro volte campione mondiale di trading con denaro reale, che vi introdurrà al suo metodo di trading, con il quale ovviamente è riuscito a ottenere questi incredibili successi.

Potrete anche inoltre ottenere, coprendo solamente le spese di spedizione, il best seller "Il Metodo Unger", oppure prenotarvi per una consulenza strategica gratuita con uno dei nostri tutor.

Ragazzi, è veramente tutto!

Vi ricordo, iscrivetevi al canale e lasciate un bel Like se il video vi è piaciuto.

E vi do appuntamento alla prossima settimana.

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>
Francesco Placci

Francesco Placci

Ciao sono Francesco Placci, trader  professionista dal 2005 grazie all'approccio sistematico ai mercati. 

Le mie competenze spaziano dal trading sui future su indici ai bond, dalle azioni alle commodity, con un focus particolare sulla volatilità e sulle opzioni, che ritengo essere tra gli strumenti più versatili e affascinanti a disposizione di noi trader.

Dopo un'esperienza presso primari istituti di credito italiani, in cui ho appreso le basi della finanza istituzionale, ho intrapreso con successo e soddisfazione personale la carriera di trader indipendente.

Fondatore di Algoritmica.pro, dal 2019 entro a far parte di Unger Academy come responsabile della ricerca e sviluppo.