Sfatiamo i miti degli investimenti con Debora Rosciani di Radio24

di Andrea Unger

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Debora Rosciani, giornalista di Radio 24 (gruppo Sole24Ore) ha intervistato Andrea per parlare dei falsi miti che contribuiscono a rendere il mondo degli investimenti ancora più insidioso.

Dall'illusione di potersi arricchire con uno schiocco di dita alla falsa credenza che esista un "ingrediente segreto" in grado di trasformare un pochi euro in un patrimonio immenso, ecco sfatati i miti più comuni e pericolosi per gli investitori.

👉Guarda subito l'intervista!

 

Trascrizione

Debora Rosciani:

Ben trovati! Oggi parliamo di un tema certamente importante: come investire, come investono gli italiani, che idea hanno dell'investimento, con che approccio investono, con che strategie e che metodo. 

Noi lo facciamo con l'aiuto del protagonista di una storia di successo che rappresenta certamente un modello per molti, un traguardo, un obiettivo. Però, questo lo dobbiamo sottolineare con forza: spesso, l'ambizione a replicare i successi degli altri non basta, perché oggi affrontiamo il tema del successo in un campo speciale, che genera molta curiosità, ma al quale in molti si approcciano con illusione, cadendo poi spesso disillusi. 

Se siete arrivati a seguire questo webinar, sapete già di chi stiamo parlando. Ho il piacere oggi di dialogare con Andrea Unger, trader professionista e l'unico al mondo ad aver vinto 4 volte il Campionato mondiale di trading nella categoria Futures.

Voglio subito salutarlo. Andrea, eccoci qua ben trovato anche a te.

Andrea Unger:

Grazie Debora, ciao a tutti! Buongiorno a tutti!

Debora Rosciani:

Allora, vogliamo conversare con Andrea quest'oggi, perché? Non perché debba darci la ricetta o il segreto per arrivare a conseguire i suoi risultati. Andrea oggi ci spiegherà con parole semplici, ma con molta forza, che investire è questione di metodo, di pazienza, ed è questione di professionalità. 

Non esistono strumenti capaci di farci diventare ricchi come spesso molti credono, ritenendo che facendo un corso di trading di un mese per operare sui mercati finanziari possa risolvere i problemi del bilancio della famiglia. Operare sui mercati finanziari è qualcosa di molto più complesso, è un mondo che certamente offre molte possibilità e molte opportunità, però occorre avere preparazione, attitudine, occorre avere una corazza psicologica ed emotiva molto rilevante e anche pazienza e metodo.

C'è da dire... Volevo anche ricordare questo aspetto che non è di poco conto, che la pandemia, facendoci rinchiudere un po' tutti in casa, ha sicuramente aumentato la nostra vita online e ha fatto avvicinare molte persone al mondo del trading. Abbiamo avuto, peraltro, anche casi di cronaca finanziaria che hanno destato ulteriore interesse. Ricorderete tutti il caso "GameStop" che ha avvicinato soprattutto la platea dei giovani al mondo del trading online. Ma anche contestualmente a tutto questo, abbiamo avuto un'intensificazione dell'attività della Consob (l'Autorità che vigila sui mercati finanziari) che sta continuando ad oscurare, giorno dopo giorno, decine di piattaforme che offrono abusivamente servizi finanziari.

Questo che cosa ci dice? Che accanto all'aumento di interesse, aumenta anche il numero degli operatori, che con fare truffaldino, poco serio e opaco, propongono servizi di investimento che invece non hanno nessun tipo di prospettiva, e addirittura sono proprio iniziative ai limiti della truffa. Sono iniziative truffaldine. Per cui, tutto questo per arrivare a dire: c'è bisogno di mettere un po' di ordine. C'è bisogno di allineare le informazioni più importanti e le informazioni che noi dobbiamo trattenere quando ci avviciniamo al mondo del trading online. La Unger Academy fa proprio questo: propone formazione, propone le competenze adatte per operare in questo settore. Quindi, Andrea io ho detto tutto quello che dovevo dire, adesso mi devi prendere per mano e accompagnare, come facciamo con tutte le persone che avranno la curiosità e il piacere di seguirci: accompagniamo per mano anche loro in questo percorso.

La prima domanda che ti voglio fare è questa: secondo la tua sensibilità, il tuo lavoro e il tuo percepito, che cosa chiedono, a che cosa guardano le persone quando si approcciano agli investimenti? Io ti racconto la mia da Radio 24. In molti percepiscono l'importanza di fare una pianificazione finanziaria e di investire secondo i bisogni della famiglia. Dopodiché, una volta fatto tutto questo ragionamento, arrivano comunque alla domanda finale che è sempre quella: "...E quindi? Che cosa devo fare? ...E quindi? L'investimento che mi viene proposto, quanto rendimento mi dà?" E questo spesso genera nel consulente finanziario di riferimento il classico atteggiamento del "cascare le braccia", perché è come se tutto il ragionamento iniziale non si fosse poi, alla fine, compreso. A te invece che cosa succede?

Andrea Unger:

Stessa cosa! No, dunque... Effettivamente l'approccio delle persone, della massa, diciamo, al mondo degli investimenti è spesso delineato da due motori principali: il primo, come dici tu, quello di far macinare bene il patrimonio di famiglia affinché ci sia un corretto utilizzo delle risorse, e che possa esserci disponibilità di solito per i figli, per l'educazione dei figli, per la crescita e così via. E poi l'altro motore trainante invece è il miraggio della ricchezza facile. Entrambi, anche se in maniera diversa, hanno l'illusione che ci sia un qualche segreto di fondo nel mondo degli investimenti che, una volta spiegato, renda tutto semplice. Appunto quelli che chiedono: "Sì, ma allora quanto mi rende?" Sono quelli che alla fine dicono: "Sì, vabbè, ma alla fine, quanto ci guadagno?"

Come se fosse una cosa automatica! Schiocco di dita, metti i conti là e tu hai i soldi in rendita mensile. Dall'altra parte ci sono quelli che credono che ci sia il trucco per moltiplicare i soldi e poi cadono vittima delle truffe che dicevi prima. Tu sei stata anche fin troppo ottimista e conservativa quando parlavi di un mese di studio. In realtà, ci vuole molto di più e la gente crede in molto di meno. La gente crede veramente, nell'arco di una settimana al massimo, di poter ottenere tutte le informazioni che gli servono per guadagnare come dei matti.

L'episodio di GameStop, che porta poi alla ribalta i guadagni della Borsa, (in quel caso lì anche un po' la rivincita dei piccoli contro i grandi) fa sognare le persone! Perché, è vero che, chi si fosse trovato in quel momento nel posto giusto al momento giusto avrebbe probabilmente fatto, magari, anche "il botto" insomma, l'affare della vita. Però il fatto è che è difficile trovarsi nel posto giusto al momento giusto, e questo la gente lo dimentica automaticamente. Basta un episodio per fargli credere che sia veramente semplice, che quell'episodio possa ripetersi in continuazione e ancor più che ci siano dei meglio informati dall'altra parte che sappiano indicare quale possa essere l'episodio.

Vedo anche su Quora spesso domande: "quale crypto l'anno prossimo potrà fare 100 per..? o 1000 per...?" Ma dico io, è possibile che uno manda la domanda su internet per chi magari gli dice: "guarda prendi questo che si centuplicherà l'anno prossimo". Se ci si pensa un attimo, ci si rende conto che è un'assurdità di fondo. Però la gente vuole crederci, vuole illudersi e quindi l'illusione, da una parte basata su fondamenta tutto sommato solide (quella di far fruttare il patrimonio di famiglia), dall'altra sulla più labile idea di arricchirsi, e comunque l'illusione la fa da traino in entrambi i casi. E questo è il grosso problema non solo italiano ma mondiale. Io ho girato tutto il mondo e ho visto che bene o male "tutto il mondo è paese" in questo caso. In ogni parte del mondo ci sono le stesse illusioni, le stesse credenze e lo stesso sogno della slot machine dietro l'angolo: si tira giù, escono i soldi e si va a fare quello che si vuole. Che poi è un po' quello che sognano tutti. Cioè, il mondo della borsa, degli investimenti in generale affascina perché dà l'idea di non dover fare più niente e di avere i soldi gratis... che non è proprio così, anzi, non è assolutamente così!

Però è questo che, in qualche maniera, fa vivere la gente nell'illusione di trovare qualcosa come l'Eldorado moderno, in questo mondo sconosciuto ai più. Tant'è che c'è tantissima confusione. Ben vengano le iniziative del "mese dell'educazione finanziaria" e via dicendo. Però è ancora troppo poco secondo me, perché anche in quel caso è difficile identificare chi invia dei messaggi corretti e chi invece, in qualche maniera, sta a menare il can per l'aia (e racconta un po' le cose come può fare più comodo a lui). Purtroppo c'è anche tanta disinformazione, però è proprio dettata dal voler credere a qualcos'altro. Un po' come per le diete dimagranti: insomma, sappiamo tutti che ci si illude che ci sia l'ingrediente magico che ci faccia dimagrire mangiando anche pane e Nutella tutti i giorni.

Debora Rosciani:

Guarda Andrea, io in radio affronto questi argomenti utilizzando molto spesso delle metafore come fai tu. Devo dirti che quella della dieta non l'avevo mai usata ma te la ruberò senz'altro anche per portarla in radio. Hai fatto un esempio calzante. C'è una dieta per tutti perché tutti abbiamo metabolismi diversi, necessità diverse, stili di vita diversi, di conseguenza anche l'alimentazione corretta deve adeguarsi al nostro profilo, alle nostre caratteristiche, esattamente come l'investimento e il risparmio. Un'altra cosa, quindi il messaggio che abbiamo voluto dare con questa prima parte della nostra conversazione: sfatiamo tutti i miti che ci sono intorno al mondo degli investimenti perché nessuno si arricchisce con facilità come in molti sono portati a credere.

Nessuno ha l'ingrediente segreto! E anche noi che siamo degli operatori del settore (io per l'informazione, tu per il trading) a noi nessuno passa delle informazioni riservatissime per accrescere i capitali che potremmo teoricamente investire. Tu lo fai praticamente, io in via teorica, perché, tra l'altro, l'azienda mi controlla anche in quello che faccio. Quindi, ho anche questi limiti che gli ascoltatori non conoscono. 

Prima di salutarci un'ultima informazione di servizio. Per tutti coloro che volessero approfondire ulteriormente i concetti che abbiamo esplorato in questa conversazione, si può ordinare il libro di Andrea Unger sul Metodo Unger. Vi arriva regolarmente a casa, è gratuito e si pagano solamente le spese di spedizione. Quindi buona lettura a tutti.

 

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Andrea Unger

Ciao, sono Andrea Unger, Trader professionista dal 2001 e unico a vincere per ben 4 volte il Campionato del Mondo di Trading con denaro reale.

Grazie a questi risultati sono spesso invitato come relatore in convegni in Europa, Stati Uniti e Asia. 

Sono inoltre autore di diversi libri, tra cui il primo in Italiano sulla Gestione del Rischio nel Trading, tradotto anche in Cinese e Inglese.

Metto a disposizione decenni di esperienza, di prove, di vittorie e sconfitte con le quali ho ideato un metodo scientifico, sistematico, replicabile e universale con cui, in soli 4 anni, più di 1.000 trader sono riusciti a rendersi autonomi.

Devi sapere infatti che gli studi dimostrano che solo il 25% dei trader guadagna, ma di questi ben il 90% lo fa con il trading sistematico...

Come mai allora i formatori insegnano quasi sempre solo il trading discrezionale? 

Non ti insegno a diventare ricco in poco tempo, ti insegno una professione che, con il duro lavoro, la passione, e sufficienti capitali potrebbe diventare la tua principale fonte di reddito.