Mercati: Crypto in Rosso (Cosa è successo a Luna?) - Rimbalzo dei Bond - Indici in ribasso

di Francesco Placci

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

È stata un'altra settimana molto movimentata per i mercati, soprattutto per quanto riguarda le criptovalute. 

Negli ultimi giorni Bitcoin ha rotto al ribasso il trading range in cui aveva gravitato per molte settimane ed è sceso sotto quota 26.000$ (pensiamo che a novembre aveva toccato 67.000$). 

Inoltre, sebbene per motivi diversi, abbiamo assistito anche alla caduta di Terra, una delle maggiori blockchain della DeFi, e al delisting di Luna.

Tra gli altri eventi importanti della settimana segnaliamo il rimbalzo del settore obbligazionario, che finalmente sembra aver smesso di scendere, e l'ulteriore rafforzamento del dollaro contro l'euro.

Continua la debolezza degli indici azionari, soprattutto americani, dei metalli e delle carni.

Per saperne di più su come si stanno muovendo i mercati e sull'andamento della volatilità, non perderti la nostra panoramica settimanale.

Buona visione!

Trascrizione

Ciao ragazzi e benvenuti a tutti. Io sono Francesco Placci. Questa è la solita chiacchierata che facciamo sull'andamento dei mercati nei fine settimana.

Un'altra settimana bella movimentata sui mercati. Non mi riferisco soltanto agli indici azionari, ma anche ai bond e soprattutto alle criptovalute. Questa settimana abbiamo visto addirittura sparire una blockchain, la seconda blockchain sulla DeFi, e mi riferisco ovviamente a Terra.

Quindi è successo veramente tanto. Partiamo come di consueto dagli indici azionari. Vediamo in questo grafico il Nasdaq, che in settimana ha visto una forte discesa, ed è al momento in fase di rimbalzo. Perde comunque un 3,20% negli ultimi 5 giorni.

Male anche il Mini SP 500, che anche lui ovviamente sta tentando un rimbalzo.

Molto meglio. Invece le borse europee che come potete vedere hanno i minimi nella gamma di ribasso precedente. Quindi c'è un'evidente debolezza degli indici americani rispetto a quelli europei.

La volatilità è ovviamente ai massimi storici per quanto riguarda un orizzonte temporale breve di un mese. È comunque elevata anche se un temporale più lungo, di un anno.

Oh, le obbligazioni finalmente mostrano un segno di vita, un rimbalzo. Chiaramente con una discesa così forte dell'azionario abbiamo visto un contestuale rimbalzo dell'obbligazionario. E ultimamente questa cosa era venuta un po' a mancare.

Che si tratti di un minimo per i bond? Non è probabile, però per lo meno vediamo un rallentamento nella discesa.

Passando invece al settore energetico, che è sempre tra quelli più forti, nonostante un calo del 4% del Natural Gas, vediamo l'RB, quindi la benzina, su nuovi massimi storici, il Crude Oil invariato e l'Heating Oil più o meno agli stessi livelli.

I metalli continuano a mostrare debolezza. Guardate un orizzonte temporale di 5 giorni, un mese, tre mesi e un anno: tutti dati negativi. Nonostante il crollo delle borse e la preoccupazione per la situazione in Russia... scusate in Ucraina, diciamo che la funzione di bene rifugio sta venendo un pochino a mancare.

Stesso discorso per il comparto delle carni. Anche qua rendimenti dappertutto negativi.

Soft commodity: abbiamo sempre il cotone che è vicino ai massimi storici recentemente toccati. Scende un po' il succo d'arancia. Non c'è molto altro da segnalare su questo settore.

Continua invece nel settore dei cereali la forza del grano, che questa settimana ha rotto i recenti massimi. Continua a destare preoccupazione la situazione di queste materie prime.

Guardate l'Hard Red Winter dove si trova. Sta rompendo addirittura i massimi storici di marzo. Quindi su questo settore effettivamente c'è ancora molta pressione in acquisto.

Per quanto riguarda le valute, altri minimi importanti per l'Euro-Dollaro. Siamo a 1,04 ma eravamo andati a 1,0350, quindi un altro minimo importante. La forza del dollaro contro tutte le altre valute.

E infine abbiamo le criptovalute. Il Bitcoin che questa settimana è riuscito a rompere il famigerato trading range nel quale stazionava da diverso tempo. Quindi un valore che andava bene o male da 34 a 44, abbastanza ampio come trading range, però purtroppo non ce l'ha fatta.

È stata una settimana pesante per tutte le criptovalute. In questo momento sta rimbalzando forte. C'è stata una turbativa dovuta a un attacco alla seconda blockchain per capitalizzazione nella DeFi, ossia Terra.

Sappiamo tutti come è andata a finire. Ossia Luna è stata delistata. La blockchain non funziona più. È stato un attacco veramente orchestrato molto bene, molto forte, che ha colpito questa criptovaluta, questa blockchain che era, se vogliamo, inserita all'interno di tantissimi protocolli anche su altre blockchain. Quindi è stato un po' un effetto domino che si è riflettuto su tante crypto, tra cui anche il Bitcoin.

Diamo infine uno sguardo alla struttura a termine della volatilità implicita. Ovviamente nelle fasi più negative eravamo andati in backwardation. Stiamo tornando in contango. Questo non è un brutto segnale, tutt'altro.

Siamo in una situazione provvisoria. Siamo in un certo senso "in mezzo al guado", quindi bisogna capire bene quale direzione prenderà il mercato.

Il Vix sta calando. Perché fino a pochi giorni fa ha toccato valori insomma intorno ai 35$. Adesso siamo a 29,56. Non c'è ancora ovviamente calma sui mercati, ma non c'è neanche panico. Quindi è una situazione da seguire da vicino per capire come andrà ad evolversi.

Infine, un solo rollover in previsione per la prossima settimana, ossia il Crude Oil in data 17.

Infine ragazzi, non dimenticatevi di dare un'occhiata al link in descrizione, soprattutto se siete interessati al trading sistematico. Tramite questo link potrete visionare una presentazione gratuita di Andrea Unger, che vi introdurrà al suo metodo di trading col quale ha vinto per ben 4 volte il Campionato mondiale di trading con denaro reale, e tanto altro ancora.

Se il video vi è piaciuto vi chiedo di lasciare un Like. Iscrivetevi al nostro canale e attivate la campanellina.

Un saluto a tutti e alla prossima da Francesco Placci.

Vuoi più aiuto? Prenota oggi la tua consulenza GRATUITA con il nostro team!

Definiremo una strategia che ti permetterà di avere tutto quello che ti serve per guadagnare costruendo e operando il tuo portafoglio di strategie automatizzate... Rispondi a qualche domanda nel nostro questionario e poi scegli giorno e ora più adatti a te.

PRENOTA ORA LA TUA CONSULENZA STRATEGICA >>

Francesco Placci

Ciao sono Francesco Placci, trader  professionista dal 2005 grazie all'approccio sistematico ai mercati. 

Le mie competenze spaziano dal trading sui future su indici ai bond, dalle azioni alle commodity, con un focus particolare sulla volatilità e sulle opzioni, che ritengo essere tra gli strumenti più versatili e affascinanti a disposizione di noi trader.

Dopo un'esperienza presso primari istituti di credito italiani, in cui ho appreso le basi della finanza istituzionale, ho intrapreso con successo e soddisfazione personale la carriera di trader indipendente.

Fondatore di Algoritmica.pro, dal 2019 entro a far parte di Unger Academy come responsabile della ricerca e sviluppo.